PROROGHE TITOLI ABILITATIVI LEGATI ALL’EMERGENZA SANITARIA

AVVISO

Di seguito si è estrapolato da una nota della REGIONE TOSCANA, la spiegazione de, comma 1 e 2 dell’articolo 103 (Sospensione dei termini nei procedimenti amministrativi ed effetti degli atti amministrativi in scadenza) del Decreto Legge 18/2020 – Cura Italia, che detta disposizioni proprio in merito alla gestione dei procedimenti amministrativi.

comma 1) Sostanzialmente, l’articolo 103 al comma 1 prevede il congelamento dei termini, sia di natura ordinatoria che perentoria, e degli effetti relativi ai procedimenti amministrativi d’ufficio e su istanza di parte, per il periodo intercorrente dal 23 febbraio al 15 aprile 2020Tale disposizione trova applicazione per :
a)i termini c.d. “interni” al procedimento
b) il termine finale del procedimento amministrativo;
c) i termini esecutivi, esterni al procedimento.Per effetto di tale disposizione si verifica quindi una traslazione dei termini sopra descritti nel senso indicato di seguito.1)per i procedimenti amministrativi pendenti alla data del 23 febbraio, la decorrenza dei termini interni e finali del procedimento – se non già scaduti-riparte dal 15 aprile 2020 per il tempo residuo non ancora decorso.
Ad es. un procedimento avviato il 30 gennaio 2020 con termine finale di 180 giorni, a partire dal 15 aprile dovrà essere concluso entro 180 – 23 ( giorni già di decorsidal 30 gennaio al 23 febbraio) = 157 giorni, mentre un termine endoprocementaledi 60 giorni che abbia iniziato a decorrere dal 15 febbraio, riparte dal 15 aprile eil relativo parere/assenso deve essere rilasciato entro 60 – 8 (giorni già decorsidal 15 febbraio al 23 febbraio) = 52 giorni;2)per i procedimenti amministrativi avviati dopo il 23 febbraio 2020 ed entro il15 aprile 2020, i termini interni, finali decorrono integralmente dal 15 aprile e ilprocedimento è come se fosse avviato da tale data. Tale disposizione non paretuttavia precludere l’adozione del provvedimento quando sia completo dal puntodi vista istruttorio.Di fatto, la sospensione si applica a tutti i termini relativi ad ogniprocedimento amministrativo disciplinato da legge statale o regionale, che siapendente alla data del 23 febbraio o sia iniziato successivamente a tale data, fatti salvi alcuni casi espressamente richiamati dai successivi comma 3, 4, 5 e 6 dell’articolo in questione
Il comma 2) dell’articolo 103 del DL 18/2020, in cui si dispone che tutti i certificati, attestati, permessi,concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020, conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020.Questa disposizione si applica quindi anche ai certificati scaduti primadell’entrata in vigore del DL 18/2020: in pratica, tutti i certificati, autorizzazioni etc…che sarebbero stati in scadenza nel periodo intercorrente dal 31 gennaio (data in cui èstata dichiarata a livello nazionale l’emergenza Covid-19) al 15 aprile., rimangono validi fino al 15 giugno 2020.
 
In sintesi, la legge ha già determinato le proroghe in funzione del tipo di procedimento. Si deve fare riferimento alla relativa casistica.
Se si rimane in questi termini, non occorre fare in nessuna richiesta e nessun atto, se le richieste di proroga sono temporalmente superiori, si procede come sempre, con richieste pagamento dei diritti di segreteria.
 
Se c’è la necessità di proroghe più ampie queste segueno l’iter normale, con richiesta motivata e pagamento diritti di segreteria se dovuti.
Ridimensiona font
Contrasto

Questo sito utilizza cookie tecnici e cookie di profilazione di terze parti. Continuando la navigazione acconsenti al loro utilizzo. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi